Partenariato

Unione di competenze per raggiungere obiettivi

Per la città di Ravenna il tema della sostenibilità ambientale nell’area portuale è molto sentito. A livello locale l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale da tempo partecipa attivamente a diversi tavoli sulla progettazione, normazione e futura realizzazione delle infrastrutture necessarie ad alimentare ad LNG i mezzi navali durante l’ingresso e l’uscita dal porto. La Regione Emilia-Romagna sta inoltre attivamente partecipando all’iniziativa di lobby europea regionale Van Guard sul tema offshore proprio insieme alle aziende ravennati.

Partendo da questi presupposti, il CIRI MAM dell’Università di Bologna, in collaborazione con CIFLA – Centro per l’Innovazione di Fondazione Flaminia, ha selezionato le imprese del territorio interessate ad un progetto di innovazione in ambito energia nel porto e, durante uno dei tavoli di concertazione, si è deciso di sviluppare la proposta progettuale CleanPort.

Al fine di avere tutte le competenze necessarie per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi progettuali, si è deciso di selezionare le imprese  con competenze ed interesse nei seguenti ambiti: normativa portuale (Autorità di Sistema Portuale), stoccaggio e distribuzione di LNG (Graf), produzione di mezzi navali alimentati a LNG (Rosetti Marino), gestione ed impiego di mezzi navali (rimorchiatori) alimentati ad LNG (Gesmar). Tali aziende hanno inoltre interesse a partecipare al progetto in quanto: Rosetti Marino ha tra i suoi progetti a breve-medio termine la realizzazione del suo primo mezzo navale alimentato ad LNG, Graf sta sviluppando una stazione di rifornimento ad LNG, Gesmar sta valutando l’acquisto di rimorchiatori alimentati da combustibili alternativi all’olio pesante.

In  seguito ad incontri avvenuti dopo l’avvio del progetto, il partenariato sta valutando con Start Romagna la fattibilità tecnico-gestionale-economica di integrare il motore alimentato ad LNG nel traghetto che opera lungo il Canale Candiano collegando Porto Corsini con Marina di Ravenna.

Team di ricerca

Professor Alfredo Liverani

Alfredo Liverani

Professore associato nel settore del Disegno e Metodi dell’Ingegneria Industriale presso l’Università di Bologna. Nel febbraio 2000 consegue il titolo di Dottore di Ricerca discutendo una tesi dal titolo Un sistema di realtà virtuale per la progettazione di ingegneria. Le sue principali attività di ricerca riguardano Computer grafica, CAE e metodi di Ingegneria Industriale, realtà virtuale, realtà aumentata, simulazione dal vivo e costruttivo. Dal 2010 è responsabile scientifico dell’Unità Operativa Materiali Avanzati e Applicazioni per la Nautica del CIRI-MAM.
Carmelo Luca Amoroso

Carmelo Luca Amoroso

Le sue principali attività riguardano lo studio, lo sviluppo e la progettazione di sistemi di alimentazione basati su tecnologia LNG per impiego navale. Nel 2015 ha conseguito la laurea magistrale in Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Palermo con una tesi in ambito aeroelastico/acustico intitolata Numerical Analysis of Aeroelastic Vibrations and Acoustic Noise generated by a Mistuned Rotor Cascade.
Da ottobre 2016 è assegnista di ricerca presso Università di Bologna per il progetto Clean Port.

Gian Maria Santi

Santi Gian Maria nasce a Mirandola il 21/2/1991 e consegue la laurea magistrale in ingegneria meccanica presso l’università di Bologna il 7/10/2016. Attualmente è impegnato come assegnista di ricerca per il CIRI-MAM e toutor didattico per l’università di Bologna.

Il progetto si avvarrà inoltre di alcuni professionisti delle aziende partner.

Il progetto è finanziato dalla Regione Emilia-Romagna.